È ora di staccare la spina al digital advertising

digital advertising27 ottobre 1994. Nasce il primo banner pubblicitario web, la prima dimostrazione di digital advertising. HotWired aka Wired lo ha inserito nella sua homepage tra gli altri 13 membri della “sporca dozzina”.

Ma la leggenda di questo banner narra che sia nato per cambiare il modo in cui funziona Internet, e forse per guidarlo nel modo sbagliato, conducendoci nelle acque torbide della rete che oggi conosciamo.
il primo banner di digital advertising
L’idea di catturare l’attenzione di un utente era semplice perché l’obiettivo era raggiungibile facilmente. L’utente lo vede e fa click. Con il passare del tempo e la comparsa di più banner, la cecità degli annunci iniziò e le pagine Web diventarono “piene”. Fu in questo momento che nacque il peccato originale di Internet: i pop-up. In principio non vi era molta attenzione sulla User Experience. Non c’è da stupirsi che i popup non si siano trasformati in click qualitativi ed abbiano generato ROI scadenti. Inoltre, i pop-up erano così fastidiosi che la maggior parte dei browser introdusse, a partire dalla fine degli anni ’90, delle funzioni di blocco pop-up.Il boom di Internet degli anni 2000 ed il numero senza precedenti di persone collegate al web, dettò un cambiamento nel settore della pubblicità online. Con tutti online, gli esperti di marketing si resero presto conto che richiedeva tempo scegliere uno specifico target a cui rivolgere le loro pubblicità, era più comodo lanciare advertising campaign a vuoto ed aspettare. All’improvviso la ricerca iniziò a prendere forma. “Come si arriva al primo posto della query di ricerca?”  GoTo.com nacque come spin-off di Idealab, fu il primo servizio a fornire con successo un’ottimizzazione della ricerca con pagamento per posizionamento. I marketer iniziarono ad avere la possibilità di fare offerte per i migliori risultati di ricerca facendo riferimento alle parole chiave che destavano interesse nei loro utenti.Ecco come nacque quello che oggi conosciamo come SEO/SEM/SEA e chi più ne ha ne metta.

Project: Technology column: Chat Etiquette Client: Smithsonian Magazine
©Kotryna Žukauskaitė, 2016

La lattina di vermi

La scoperta che gli annunci possono essere mirati è alla radice dei media moderni. Una società ha costruito il più grande impero digitale mai conosciuto su quella semplice scoperta. Google. La società, tutt’altro che ordinaria, nacque come servizio di ricerca ma si rese presto conto che la semplice ricerca non porta alla grandezza.

Sono le scoperte che vanno oltre lo scopo di ricerca, quelle che si infiltrano nella voglia infinita di qualcos’altro nell’interazione digitale che portano alla grandezza.

Fino a quando Internet è stato uno strumento di collegamento tra la conoscenza e le persone bisognose di tale conoscenza, Google ha prosperato. Tramite il Digital Advertising di AdWords e gli algoritmi pubblicitari di ricerca, Google ha creato la sua fonte di entrate principale . Sebbene un’interazione guidata dalle attività con un motore di ricerca non garantisca i clic, gli annunci pubblicitari sono diventati parte integrante del viaggio quando si cerca su Google.

Il monopolio della ricerca sulla pubblicità ha dato a Google il potere di plasmare la nostra percezione in base a chissà cosa. Tuttavia, questa situazione ha dovuto cambiare. La presenza online guidata ha lasciato il posto a un’altra follia.

E se non ci fosse alcun interesse? Saresti comunque online pur non utilizzando quella casella di ricerca (Google)?

Storiella

Un servizio di collegamento per i dormitori della Ivy League divenne il più grande social network del mondo, la cui influenza è cresciuta al punto da sfuggire (quasi) al controllo causando faide politiche internazionali, mettendo in pericolo miliardi di persone in privacy e creando un legame tra ogni essere umano pianeta possibile in un modo strano e geniale. Facebook.

Mentre Google si è tuffato nella produzione di sistemi operativi, dispositivi wearable intelligenti, auto a guida autonoma e intelligenza artificiale, ciò che ha fatto Facebook, ha reso significativa la presenza online delle singole persone, inserendo annunci nel feed.

Ora Google non è più necessario. Gli annunci ti troveranno in base alle informazioni che fornisci volontariamente.

Il quadro non sarebbe stato completo se una terza forza non si fosse unita all’aggressivo Club del digital advertising. Amazon, un concorrente inarrestabile ed una grande spina nel fianco per ogni rivenditore online in tutto il mondo, ha trasformato le pubblicità online in un altro campo di battaglia. Apple vuole tagliare le vendite di qualsiasi azienda generate da annunci multimediali nei propri prodotti. Ciò significa che Apple può bloccare lo schifo dagli annunci di Amazon. Ma cosa succederà quando Amazon vorrà pagare Google per visualizzare annunci su Chrome per iOS?

Un enorme intreccio di interessi in competizione ed una lotta tra cani per un utente che è ormai infastidito dal Digital Advertising.

digital advertising

Dealing with Spam, 2015
©Kotryna Zukauskaite | www.kata-illustration.com

 

Il blocco degli Annunci

A partire dai primi anni 2000, la realizzazione di software di blocco degli annunci digital advertising è cresciuto proporzionalmente all’intensità dei siti Web e dei relativi banner. Adblock Plus è stata l’ estensione più popolare per i principali 3 browser, tuttavia, alla fine, alcuni annunci hanno iniziato a superare il blocco degli annunci a causa dell’accordo tra gli inserzionisti e coloro che gestiscono i servizi di blocco degli annunci.

La posizione contraddittoria che Apple ha assunto nei confronti delle terze parti utilizzando la piattaforma Apple per promuovere i propri prodotti e servizi ha portato all’avvento del blocco degli annunci. Introdotto per la prima volta da Apple nel 2015 come parte dell’aggiornamento iOS 9, il blocco degli annunci originale utilizzava estensioni di blocco dei contenuti personalizzate per Safari senza la possibilità di aggiungere blocchi di annunci di terze parti al browser.

La collisione tra iOS e Android ha quindi avuto una nuova svolta. Apple è orgogliosa del suo approccio alla privacy. Come Tim Cook ha dichiarato nel rispetto della privacy di Apple che potete leggere a questo link :

Il nostro modello di business è molto semplice: vendiamo ottimi prodotti. Non creiamo un profilo in base ai tuoi contenuti e-mail o alle abitudini di navigazione web da vendere agli inserzionisti. Non “monetizziamo” le informazioni memorizzate sul tuo iPhone o in iCloud. E non leggiamo la tua e-mail o i tuoi messaggi per ottenere informazioni sul mercato per te. I nostri software e servizi sono progettati per migliorare i nostri dispositivi. Chiaro e semplice.

Con un manifesto diretto essenzialmente basato sul modello di Google, Apple afferma che gli archivi di informazioni locali e l’hardware esclusivo sono i mezzi per proteggerti dai contenuti indesiderati come quelli che ti vengono bombardati quando usi Android.

Google possiede già la ricerca. Il problema è che nessuno sta cercando di sfidare Google su quel lato.

I concorrenti di Google scommettono sulla ricerca verticale puntando su target in un’area specifica piuttosto che sul metodo del “sapere tutto”. Proprio per questa ragione, all’ultimo I/O di Google, tutto riguardava l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale, le auto a guida autonoma e gli assistenti digitali e nulla di ciò che ha reso Google Google: la ricerca e la pubblicità mirata.

Forse a causa della controversia su Facebook, è un po ‘troppo presto per tornare alla narrativa dei dati personali, quindi, invece, perché non stupire tutti con il modo in cui l’IA può imitare una conversazione umana? Google desidera disperatamente racchiudere i propri utenti nell’ecosistema di cui ha il controllo totale. Le loro divagazioni verso l’assistenza sanitaria, i trasporti, l’educazione etica e culturale possono essere i tentativi di Google di acquisire una nuova nicchia.

Chi finisce per beneficiare di questo “eccitante gioco” di scacchi aziendali e tecnologici? Dovremmo essere noi Utenti. L’idea di una nuova startup digitale su un’idea praticabile è convincente e lo si è dimostrato in più occasioni. Tuttavia, la sopravvivenza di startup digitali indipendenti è compromessa dalla guerra tra giganti dei media.

Gli imprenditori più piccoli sul web stanno perdendo la possibilità di investire nella distribuzione dei loro prodotti e nella pubblicità perché l’ingresso nel loro segmento di mercato è stato violentato indiscriminatamente dai giganti aziendali.

advertising campaign

The Cost of Pay-Per-Click (PPC) Advertising, 2015
©Kotryna Zukauskaite | www.kata-illustration.com

La crescita del movimento del blocco degli annunci ha raggiunto il suo apice nel 2016, raddoppiando il numero di utenti che bloccano gli annunci su tutti i loro dispositivi. Il colpo di follow-up degli annunci convenzionali è stato il fatto che la maggior parte degli utenti era il target demografico della maggior parte degli annunci.

In altre parole, Internet ha pubblicizzato nelle sue forme più semplici. Gli annunci pubblicitari hanno guadagnato più di una funzionalità anti-marketing risultando fuori posto molte volte.

Conclusione

Medium è il luogo in cui scrittori, giornalisti indipendenti e persone che hanno qualcosa da dire nel modo più incontaminato, attraverso la scrittura. Medium funziona senza pubblicità, il che è una cosa rara per una piattaforma gratuita oltre a tutti gli altri vantaggi. Migliaia di persone hanno la possibilità di provare un’esperienza davvero preziosa.

La maggior parte di noi sarebbe persino disposta a pagare per tale esperienza. Gli annunci, ad esempio, su YouTube, sono diventati una sorta di tassa per i contenuti di qualità.

Il compromesso tra l’attenzione per un annuncio e contenuti di qualità non va a favore dell’annuncio. In effetti, un annuncio troppo lungo/rumoroso/fastidioso/di cattivo gusto potrebbe frenare l’intenzione di vedere cosa c’è dopo. I progettisti di UI/UX dedicano ore di lavoro a creare un’esperienza organica che non verrà interrotta dal Digital Advertising.

Il futuro del Web desktop è minacciato dalle prestazioni degenerative dei siti Web che vanno bene con le pubblicità spazzatura, che incidono sull’usabilità.

La pubblicità sul Web di oggi è un tiro alla fune multilivello tra grandi aziende, piccoli commercianti che lottano per un posto al sole e un costante compromesso per gli utenti quotidiani.

Non siamo in grado di rimuovere gli annunci a causa dei dollari che lo supportano. Non possiamo davvero influenzarli dal design, e ora non possiamo nemmeno bloccarli tutti. L’ironia di questa situazione è che nessuno viene mai soddisfatto dal modo in cui funziona la loro politica pubblicitaria.

Le moderne tecnologie decentralizzate come la blockchain potrebbero aiutare a rianimare il digital advertising?

Vuoi pubblicizzarti online senza essere troppo invadente?

Sì, certo!No, grazie.

Lascia i tuoi contatti!