Il futuro del Retail

Presto i giganti online porteranno nel mondo Retail l’interazione personale che manca.

Il Retail si sta evolvendo!
E non solo nella vendita al dettaglio…

Per oltre 10.000 anni i negozi hanno avuto un ruolo significativo nella formazione delle nostre città. Hanno costruito intorno alle piazze e storicamente hanno agito come luoghi di incontro fornendo cultura e comunità.

Internet ha cambiato nel tempo questo comportamento. In primo luogo, i negozi al dettaglio si spostarono dai centri urbani verso i centri commerciali suburbani, staccandosi dal centro della città. Più tardi, mentre gli acquisti online diventavano sempre più popolari, questi stessi negozi iniziarono a lottare con le vendite in diminuzione.

La prima vera “vittima” dello shopping online fu quando i negozi di musica cominciarono a scomparire. Chiediti, quando è stata l’ultima volta che sei stato in un negozio di dischi con i CD? Questa tendenza è destinata a continuare con la disponibilità di prodotti diversi (abbigliamento, farmaci, prodotti per la casa) da quelli dei giganti online. I negozi di mattoni e malta sono costretti a innovarsi o morire. Anche il cibo fresco è disponibile per essere acquistato online e consegnato a domicilio.

 

Il futuro del retail

jack ma

Immagine da UNclimatechange

Jack Ma, fondatore del leggendario Alibaba, ha coniato l’espressione “New Retail” come la prossima evoluzione dello spazio commerciale. Crede che il futuro dei negozi fisici dipenderà dall’utilizzo dei vantaggi di un negozio online portati in un luogo fisico.

Ovvero:

  • Negozi senza personale (alimentati dall’AI);
  • Utilizzo di schermi digitali anziché di materiali stampati;
  • Comunicazione di messaggi verso ogni cliente al momento giusto (piuttosto che tutto in una volta);
  • Esperienze personalizzate.

 

 

La parola chiave per il futuro della vendita al dettaglio?
Esperienza.

I punti vendita dovranno dare ai propri clienti un incentivo più forte per farli entrare. I prezzi più bassi sono utili, ma non sono una soluzione praticabile a lungo termine per molte attività commerciali. Le azioni online saranno sempre in grado di sostenere costi inferiori grazie a spese generali contenute e tempi inferiori tra l’ordine e la consegna dei prodotti.

“Una volta esisteva la regola 80/20 – [i centri commerciali] rappresentavano l’80% di spesa e il 20% di esperienza utente. Ora è il contrario, perché tutti gli acquisti online si possono fare più velocemente, sono meno costosi, ecc. ”

– Angela Ahrendts

Ciò che i clienti (utenti, follower… etc) stanno cercando è un’esperienza che un negozio online non è in grado di fornire. Stanno cercando intrattenimento, informazioni e un’esperienza unica e personalizzata.

Adidas sta iniziando a vendere la sua scarpa Adidas 4D Futurecraft. È la prima scarpa ad avere una suola stampata in 3D in base alla forma dei piedi. In questo modo potrai avere un paio di scarpe unico, con un comfort ottimale.

vendita al dettaglio

Fonte: Highsnobiety

Volvo sta pubblicando il suo nuovo SUV, l’XC40, con un nuovo concetto chiamato Care by Volvo. È quello che descrivono come “il prossimo passo nel nostro viaggio per ridefinire il modo in cui le persone usano le auto. Invece di acquistare la tua auto, vai online, personalizzala a tuo piacimento e poi premi “Ordine”. L’auto è fatta su misura per te e potrai noleggiarla ad un costo mensile. Il canone mensile comprende tutto: assistenza, assicurazioni, manutenzione e riparazioni. Per i più giovani che non vogliono (o non possono) pagare una somma forfettaria per un veicolo, questa è un’ottima opzione.

retail

Fonte: Care by Volvo

Nel 2017 Amazon ha rilasciato Amazon Go, un tipo completamente nuovo di esperienza di acquisto con “il più avanzato apprendimento automatico, visione artificiale e intelligenza artificiale”. Nessuna linea prodotto, nessun registro, nessun checkout. Amazon Go è aperto al pubblico dal 22 gennaio 2018, dopo un ritardo causato dalla complessità di tracciare folle di umani che camminano velocemente. La tecnologia del negozio non funzionava quando più di 20 persone erano all’interno o si muovevano troppo velocemente, ha riferito il Wall Street Journal.

Più che mai, servire il tuo cliente è il segreto del successo. Le “esperienze utente” sono ora progettate in modo da poter essere liberate dai nostri computer / smartphone e sfruttare gli spazi fisici che frequentiamo. Il risultato? Un cliente felice.

settore retail

Fonte: Wikipedia

 

Quindi la vendita al dettaglio non è morta?

Piuttosto il contrario! Amazon ha investito oltre $13 miliardi nel 2017 in soli punti vendita fisici e ci sono stati infatti più negozi al dettaglio che si sono aperti rispetto alla chiusura nel 2017. Ciò che è vero però è che la vendita al dettaglio, come la conosciamo, cambierà.

“Fare shopping oggi non significa sempre andare in un negozio e guardare una grande quantità di prodotti”, ha detto al Wall Street Journal Shea Jensen, Senior Vice President di customer experience di Nordstrom. “Può significare fidarsi di un esperto per scegliere una selezione di articoli.” “Nordstrom Local”, a solo il 2% delle dimensioni medie di un negozio con sede nel centro commerciale, è progettato per essere un hub di quartiere che riporta la sensazione di “centro città”.

Apple, sta sfruttando un concetto simile con i suoi negozi al dettaglio. Gli Apple Store storicamente si sono comportati molto bene – hanno un fatturato più alto per metro quadrato rispetto a qualsiasi altro rivenditore al mondo, compresi gioielli e concessionari di auto – ma hanno vendite in calo in negozio. Risulta che sempre più clienti si rivolgono ad Apple.com per ordinare il loro nuovo iPhone. A febbraio 2016, Apple ha cambiato direzione rimuovendo la parola “negozio” dalle sue posizioni di vendita al dettaglio.

“È divertente, in realtà non li chiamiamo più” negozi “. Li chiamiamo “piazze” perché stanno raccogliendo posti per 500 milioni di persone che ci visitano ogni anno.

Consideriamo i nostri negozi come una piazza della città moderna, dove i visitatori vengono per fare shopping, essere ispirati, imparare o connettersi con gli altri nella loro comunità. ”

– Angela Ahrendts

Il cambiamento che stiamo vedendo è molto positivo, ma sfortunatamente potrebbe significare l’estinzione di alcuni negozi che non seguono le tendenze mutevoli. Come clienti, ne trarremo vantaggio. Otterremo un servizio migliore e più personalizzato in una varietà di punti vendita. Ricordi quei giganti online che ho menzionato prima? Presto verranno nella tua comunità e porteranno l’interazione personale che ci manca. Il retail si sta evolvendo!

Contattaci per evolvere il tuo punto vendita nel mondo Digital!

Lascia i tuoi contatti!