Marketing oltre i Millennial: connettersi con la generazione Z

millenialI marketers provano da anni a connettersi con i Millennial ma è giunto il momento di puntare alla prossima generazione: Generazione Z / iGen / Centennials.

Per gran parte dell’ultimo decennio i marketer hanno versato milioni di ore e miliardi di dollari nel tentativo di decodificare la generazione più enigmatica del nostro tempo: i Millennial.

E perchè no? Gli studi dimostrano che i Millennial stanno alimentando l’economia degli Stati Uniti, con una spesa annuale corrente di 600 miliardi di dollari e un progetto di 1,4 trilioni di dollari l’anno entro il 2020. E con quella influenza economica, le preferenze dei Millennials hanno sconvolto intere industrie.

Ma da qualche parte lungo la strada, mentre noi marketer cercavamo di capire questa generazione, abbiamo perso di vista una cosa importante sui Millennial: sono cresciuti.

Oggi i più vecchi Millennials hanno raggiunto l’età di 37 anni. Oggi sono loro stessi operatori di marketing e stanno saggiamente pensando di concentrarsi sulla generazione Z (Gen Z).

Considera il potere di Gen Z

Nato tra il 1996 e il 2010, Gen Z ha già 61 milioni di abitanti negli Stati Uniti, superando di gran lunga i Millennial di quasi 1 milione.

Ora hanno 8-22 anni, non una fascia di età che ti aspetteresti giustifichi pesanti spese di marketing. Tuttavia, gli studi dimostrano che rappresenteranno il 40% di tutti i consumatori entro due anni e che già influenzano una spesa stimata di $ 166-334 miliardi all’anno.

È fondamentale iniziare a comprendere i membri del Gen Z e coltivare relazioni a lungo termine con loro. Ma non sarà facile. Gen Z è la prima generazione di veri nativi digitali. I Gen Z-ers trascorrono il 74% del loro tempo, fuori dalla scuola o dal lavoro, secondo Commscope. Sono costantemente bombardati da contenuti di marketing e pubblicità, quei messaggi stanno iniziando a diventare per loro un “white rumor”.

Ma Gen Z potrebbe non essere così sfuggente come pensiamo. Ecco tre modi con cui ogni marketer può approcciarsi a questa generazione emergente.

1. Gen Z vede la parte positiva della tecnologia

Alcune generazioni che invecchiano, inclusi i Millennial, nutrono preoccupazioni sul valore che la tecnologia apporta alle loro vite. Sono collegati ai loro dispositivi, passando costantemente da una schermata all’altra mentre cercano di navigare tra centinaia di e-mail, testi, messaggi istantanei e annunci pop-up. Di conseguenza, molti Millennial riportano tassi di stress più elevati in associazione alla tecnologia .

Gen Z vede invece la tecnologia come un potenziale attivatore del cambiamento sociale. E contrariamente ai Millennial, che hanno la reputazione di lamentarsi dei problemi, Gen Z crede nell’investimento di tempo per trovare soluzioni.

Ad esempio: pagare per i biglietti del parcheggio.

La Silent Generation (anni ’70 e ’80) li paga senza problemi, i Baby Boomers creano scompiglio in tribunale, sostenendo che i segni male formulati o la loro scarsa visibilità siano la causa delle violazioni. Gen X, d’altra parte, paga i biglietti del parcheggio l’ultimo giorno possibile e brontolerà poi a riguardo; i Millennial si lamentano con i loro amici digitali sui social media senza muovere un dito nella realtà.

Ma Gen Z sta sfidando lo status quo. Prendiamo, per esempio, il ventunenne Joshua Browder dal Regno Unito . Piuttosto che sfogarsi sui problemi di pagamento dei biglietti del parcheggio con emoji arrabbiati, questo giovane imprenditore ha realizzato un “avvocato robot” per aiutarlo a risolvere questa situazione. Ma non si è fermato qui. Ha messo la sua app online, Do not Pay, per uso gratuito da parte di tutti. DoNotPay ha aiutato i conducenti statunitensi e britannici a sconfiggere con successo oltre 450.000 citazioni e 13 milioni di dollari di multe.

Poiché Gen Z vuole cambiare il mondo, i brand dovranno seguire il loro approccio. Pensa alla crescita delle pagine di GoFundMe o al modo in cui un video virale di una tartaruga marina con una cannuccia di plastica ha portato marchi come Starbucks e American, United e Alaska Airlines ad annunciare piani per alternative plastiche .

Quelli sono esempi di ciò a cui tiene molto Gen Z, e gli esperti di marketing devono imparare come porsi al crocevia tra tecnologia e cause sociali, per impegnarsi con i Gen Z-ers quando e come conta.

2. Gen Z ha fame di evoluzione

I marketer devono sfruttare la costante fame di Gen Z.

Sono cresciuti in un mondo di cambiamenti così rapidi che, per loro, la costanza o la coerenza equivalgono alla compiacenza. Questo ha senso quando si considerano i rapidi cambiamenti nella cultura durante la loro infanzia. Hanno potuto vedere tre nuovi film Marvel ogni anno e un milione di nuove app da scegliere ogni giorno. Mentre Gen X e Millennial sono nostalgici degli show televisivi degli anni ’80 e ’90, i Gen Z-ers hanno gli occhi velati su video e meme di YouTube pubblicati tre anni fa.

Sono sempre pronti per la prossima evoluzione. Riconoscimento facciale? Normalità. Realta virtuale? Ok. Intelligenza artificiale e assistenti personali? Suona bene. In effetti, per Gen Z, il principale fattore di fiducia è l’innovazione. La loro capacità di attenzione è di circa 8 secondi rispetto ai 12 secondi dei Millennial.

Gli esperti di marketing devono tenere il passo con queste menti a ritmi incalzanti se vogliono ottenere e mantenere la lealtà di Gen Z. Il declino dell’innovazione e della sperimentazione non è un’opzione se si vogliono raggiungere i Gen Z-ers. È necessario reinventare la comunicazione ed appoggiarsi a nuove tecnologie, piattaforme e modi di comunicare.

Dobbiamo iniziare a creare a un “caso aziendale” per questa generazione e a spingere continuamente i limiti delle possibilità di comunicazione.

3. Per Gen Z si tratta di produttività

La Gen Z è fondamentalmente diversa dai Millennial nel modo in cui risponde al mondo.

I Millennial hanno guadagnato la reputazione di essere “ragazzini”, persone che hanno difficoltà a maturare e abbandonare l’infanzia. La maggior parte della Gen Z, d’altra parte, è cresciuta durante la Grande Recessione del 2008. Ha visto i propri genitori perdere casa e lavoro. Sono stati costretti a diventare adulti prima del loro tempo.

Non sorprendentemente, sono una generazione più seria. Di conseguenza, stanno intenzionalmente disegnando la linea tra il tempo produttivo e il tempo che non lo è.

Mentre le generazioni più anziane stanno ancora lottando con il modo in cui potremmo usare la tecnologia per trovare il perfetto equilibrio tra lavoro e gioco, non sembra essere un problema per Gen Z. Si muovono fluidamente tra le tecnologie, e ne usano un bel po’. Mentre i Millennial usano tre schermi, in media, i Gen Z-ers ne usano cinque . Per questa generazione, passare da una tecnologia a un altra è naturale come respirare.

* * *

Il riassunto di questi 3 feedback? I marketer devono comprendere appieno come questa generazione utilizza la tecnologia per interagire con Gen Z su tutti gli schermi.

Ciò che è chiaro è che Gen Z ha un debole per le cause sociali, l’innovazione costante e nel massimizzare al massimo il proprio tempo.

La cosa più importante da tenere a mente se decideremo di intraprendere questo viaggio è rimanere svegli, strategici e agili nei nostri sforzi. Perché questa generazione non sta ferma.

Vuoi comunicare alla Generazione Z con la tua Attività?

Sì, certo!No, grazie.

Lascia i tuoi contatti!